Ogni riferimento a fatti o persone

La madre delle reti crea legami tra persone e ancora non sappiamo bene come valutarli, come svilupparli, come raccontarli. Si conoscono uomini, donne, si rimane affascinati dall’ignoto, dall’ombra del virtuale. Ci si confida subito, ci si apre che neanche l’agnello pasquale attraversato dalla lama del macellaio. Il cervello e l’immaginazione partono per la tangente e arrivederci e grazie. La vita reale perde temporaneamente interesse. Dopo qualche tempo si passa a pianificare il primo incontro, i rapporti virtuali devono completarsi con il contatto e quando il coinvolgimento è alto questo accade. Arrivati a tal punto è usuale pensare di essere già innamorati, di conoscere già tutti i segreti, di avere la strada spianata verso il materasso, spesso è così, ma è tutt’altro che un vantaggio. In realtà si perde l’eccitazione dei primi sguardi, delle piccole conquiste e dei sorrisi nati dai sottili doppi sensi. Anche le reazioni sono facilmente prevedibili e purtroppo nemmeno gli odori paiono una piacevole novità. Viene a mancare l’effetto sorpresa. Nei casi più fortunati la spinta erotica tiene per qualche tempo, ma le pieghe si avvertono immediatamente. Il fatto è che ‘tutto’ è già stato consumato dalla rete, con molta meno emozione.
Io preferisco i rapporti tradizionali. Le amicizie, ma soprattutto gli amori, nati attraverso la rete sono meno coinvolgenti di un rapporto sessuale con il termosifone.

[Questo post è una provocazione che spera di trasformarsi in uno spunto di riflessione, se qualcuno si sente chiamato in causa lo fa senza la mia volontà].

12 commenti:

Anche se in trasferta un piccolo saluto volevo farlo ... forse era meglio prolungare la mia assenza dalla rete!!!!
Cmq qui è sempre bello come me lo ricordavo!!!

Matteo...qualche anno fa ho conosciuto una persona dopo essermi scritta tantissime email molto personali. Nessun amore, era del mio stesso sesso. Era nata un'amicizia davvero profonda, ci eravamo conosciute in un forum di discussione e il nostro legame era nato lì, in quello spazio virtuale a noi tanto caro.

Dopo circa 1 anno di email, telefonate è venuta a trovarmi a Milano. E' stato uno...shock. Credevo di aver capito tutto di lei, invece avevo perso esattamente ciò che hai scritto tu: il contatto visivo, il rapporto epidermico che, anche nel campo delle amicizie, è FONDAMENTALE.

Quando l'ho vista ho capito che lei era innamorata di me (cosa che mi era completamente sfuggita nel mondo virtuale dove i sensi sono assolutamente azzerati). Era lesbica e non me l'aveva mai detto. Mi guardava languida ed io ero imbarazzata ma tutto sommato felice di poter trascorrere un pomeriggio con lei.

Tuttavia, l'impatto è stato talmente diverso da quanto mi ero immaginata che dopo l'incontro l'amicizia è praticamente "svanita" nel nulla, così come dal nulla era nata.

Dopo di lei ho incontrato un paio di amiche e con loro è andata benone. Incontro e aspettative combaciavano perfettamente.

Ragazzi non ne ho mai incontrati, la cosa mi fa un po' paura. Ho avuto un avvicinamento tramite msn con un ragazzo conosciuto in rete ma lui voleva spingersi più in là di quanto volessi io. Diceva di sentirsi molto vicino, di essersi innamorato etc..secondo me, per essere chiari, aveva solo voglia di farsi una scopata. Ho passato -sbagliando- ore a chattare con msn nell'illusione che fosse interessato a me in quanto persona e non ai "pezzi" che provocatoriamente metto nel blog anche per esorcizzare la logica funzionalista.

Mi sono resa conto che la rete fa perdere moltissimo. Non potrei mai innamorarmi tramite internet. Mai. Se non vedo, non tocco, non guardo negli occhi per me è finito tutto già in partenza.

scusa...ho scritto troppo ma l'argomento mi interessa particolarmente

scusa...dimenticavo.
A te non capita mai di pensare: chissà com'è Chiara dal vivo?
A me capita con te e con tutte le persone linkate nel mio blog.
Non in senso fisico, però. Penso chissà come sarebbe andare a prendere un aperitivo con Matteo, Dave, Maurizio o Corpo di Bacco. Chissà di cosa parleremmo etc...Li leggerei ancora dopo averli incontrati?
Questa è sana curiosità, credo. Molto diverso da quello che hai scritto tu e che ho espresso nel commento precedente.

Alla fine, però, penso che è bello così. Leggervi e basta. Seguirvi quotidianamente e prendere ciò che date, nulla di più nè di meno.

o mamma, vedo incomincio a perdere anche pezzi di cervello. Nell'esempio precedente ho citato solo uomini per un motivo ben preciso: solo in quel caso, infatti, potrebbero nascere spiacevoli fraintendimenti a meno che non capiti ciò che è successo a me! (vedi primo commento)

Matteo: giuro che non scrivo più!

@ Carmen ti ricordo che questo post è una provocazione, anche se come scrive Chiara i rischi di rimanere delusi esistono.

@ Chiara quello che hai vissuto tu penso sia assolutamente paradigmatico e forse con il sesso opposto tutto viene ancor più amplificato.
Non so se la rete faccia perdere tempo, dipende da cosa si cerca, di sicuro restano un mare di ricordi (e qualche conseguente insegnamento). Anche queste relazioni fanno crescere.
Mi chiedi se non ho curiosità di conoscerti? Certo che ce l'ho, spesso mi dico: se dovessi incontrarla farei di tutto per disintossicarla dalla quell'insana passione per jovanotti ;-). Son curioso di conoscere in che modo si completa il tuo aspetto fisico: dalla voce, al tuo modo di parlare, al tuo modo di sentire e valutare le cose che ti circondano. Comunque non abito in Finlandia, si potrebbe anche fare soprattutto dopo la notizia di ieri: giovedì 27 secondo colloquio in una banca a Milano!!Tienimi i pugni che se va in porto si cerca una stanza in città e a quel punto le discussioni e gli aperitivi diventeranno un piacevole OBBLIGO :-)

:) che bello Matteo! Incrocio le dita per il colloquio! Fammi sapere, capito?!
Nel frattempo, vedi di cambiare l'immagine del profilo personale altrimenti non ti riconosco.
;)
oggi sono BLOGOrroica, scusami tanto. Ho scritto troppo.

Chiara ricevo troppi complimenti dalle donne per quella foto, fa tanto cucciolo, non la cambierò mai, vabbe' essere masochisti ma rovinarmi la piazza proprio no. Mi farò riconoscere io non ti preoccupare.
Scrivi quanto vuoi, è sempre un piacere. A proposito mi sa che nel commento di prima forse ho esagerato un po', definire la tua storia paradigmatica è esagerato ;-). In ogni modo hai illustrato un ottimo esempio di come l'immaginazione, stimolata dal virtuale, possa viaggiare troppo alta precipitando poi di fronte ad una realtà che è molto più complessa e differente (per fortuna).

ok. Io mi metto a piedi nudi se vuoi ;)

MMmm forse io non faccio molto testo o son l'eccezione che conferma la regola cmq sia di persone conosciute in rete ne ho incontrate parecchie sia di un sesso che dell'altro e con tutte ho avuto la fortuna di non aver sorprese, erano tutte come speravo e immaginavo, forse sara' dipeso anche dal fatto che ho parlato cmq con tutte per piu' di un anno prima di vederle oppure semplice fortuna.. forse anche il fatto che con ognuna di queste l'incontro è stato fatto solo per dare un volto alle persone con cui ho condiviso tempo e pensieri senza mai ne andare oltre ne avere aspettative diverse da quello che poi è stato!!
Anche adesso che sono in "trasferta" sono a casa di un'amica conosciuta in questo mondo un po' strano tre anni fa e ora lei è entrata a far parte della mia vita quotidiana!!
Ora credo di poter dire che puo' nascere anche qualcosa di bello e vero!
un Bacio

@ Chiara ti ricordo che hai scritto questo: "Mi sono resa conto che la rete fa perdere moltissimo. Non potrei mai innamorarmi tramite internet. Mai". Ecco, che fai provochi? Conosci la mia passione per i tuoi piedi...ti vuoi mettere nei casini? ;-).

@ Carmen dopo tutte queste conoscenze andate a buon fine, dovrà succedere anche il contrario, che dici sarò proprio io a rovinare la tua statistica? Ma soprattutto devo aspettare un anno?
Sulle aspettative non dico nulla, che se deve passare tutto questo tempo, cambieranno di certo.

Ah Chiara dimenticavo se ti piace rischiare a metà della pagina (nella colonna di destra) trovi il mio contatto msn ;-).

Msn...dopo quello che mi è successo non lo uso quasi più, tranne nel caso di "conversazioni" con i miei amici canadesi.
E poi c'è un problema: la foto personale che ho messo è...dei miei piedi!!

Cmq anche tu conosci il mio indirizzo msn (keanu etc..). Se vuoi rischiare tu e conversare con la foto di un mio piede in primo piano, aggiungimi pure ai contatti!
;)

Carmen: sei stata molto fortunata!

Posta un commento