Fotogrammi luce buio

Vedevo nei tuoi occhi una luce diversa. Si illuminavano di vita nuova appena leggevi un suo messaggio. Ho buttato l'ancora della parola per calmare le correnti del desiderio. Volevo capire la sua origine, renderlo visibile, anestetizzare ogni suo impulso trasgressivo. Poi mi sono accorto che il dialogo era il mezzo sbagliato. Dovevo trovare il modo per riprendermi il tuo sguardo, ma la distanza ha minato tutto.
Sei salita sul quel treno dicendomi che avresti seguito il tuo istinto, e l'hai fatto.
Si può lottare contro questa luce per cambiare il corso degli eventi?
Buio.

9 commenti:

Forse sì forse no, comunque non con la parola.
Bella sceneggiatura.

Ah, a proposito dell'incubatrice...fondiamo un club? per riprenderci quel mese nell'utero che ci spetta, ovviamente.

Sceneggiatura? Magari fosse un film...

Nel mio caso ne devo riprendere almeno due se non tre. Non ho mai fatto i conti bene, dovrei chiedere a mia madre, ma anche lei ha ricordi confusi.

la luce può uccidere e corre troppo veloce. Non puoi raggiungerla.

Per riprendere uno sguardo, per catturarlo di nuovo (e per sempre) serve un unico, essenziale elemento: il fuoco.

DOVE SI PUO' TROVARE IL FUOCO?

Per me il fuoco ha bisogno di ossigeno per bruciare, quindi è importante non stare addosso all'altro ma tenere la distanza giusta. Distanza che può cambiare continuamente, bisogna "sentirla".
Sbaglio, Chiara? Illuminaci col tuo fuoco...

Allora..lophelia ha centrato il punto della situazione. La distanza, sotto forma di fuoco, va sentita. Sentire il fuoco che brucia e non farlo mai spegnere.

Il fuoco non si trova da nessuna parte. Nessun segnale di fumo. Nessun mezzo per orientarsi.

Il fuoco è l'elemento per eccellenza ma è si spegne molto facilmente. Basta un bicchiere d'acqua, basta un po' di freddezza.

Uno sguardo lo si cattura solo alimentando le scintille.

Forse lo diceva Eraclito, non ricordo bene, ma condivido il suo pensiero: il fuoco si spegne mentre brucia.

Posta un commento