A scuola dai bambini

Io, stare insieme a due bambini bielorussi, una cosa che ho imparato, quest'anno, a parte il russo che adesso dire mare casa e gelato non mi frega nessuno, ho imparato, dicevo, soprattutto quest'anno, forse perché di bambini da Chernobyl quest'anno ne son venuti due, a dimenticarmi di me stesso, ho imparato, a non pensare ai miei bisogni e a pensare prima di tutto ai loro.

Allora succede che se decidi di andare al mare o al parco o a mangiare una pizza non lo fai mica per te, che magari ne hai voglia niente, anche della pizza dico, lo fai pensando al meglio per loro, al fatto che si divertano e siano felici. Il più possibile. E la cosa incredibile, che ho imparato, da questi due bambini bielorussi, non è tanto il fatto in sé di mettere in secondo piano i miei bisogni e mettere le loro esigenze prima di tutto, la cosa stupefacente, che ho imparato, è che una cosa del genere ti sembra del tutto normale, per essere felice.

7 commenti:

è la normalità che rende felici, io me ne sto rendendo sempre più conto.

pensa te che a questo mondo c'è anche gente che ha bisogno di imparare il contrario, di imparare che si può essere felici anche a provare ad ascoltare e rispondere ai propri bisogni, a pensarci, bestia com'è difficile stare al mondo

Sei addirittura serio, non avrai la febbre ?__?

la pizza comunque è sempre una buona cosa

serve un uomo come te per continuare a scrivere questo libro www.sitoletterario.it contattaci perchè saresti perfetto!

Ricorda che molte volte la loro felicità può essere la tua felicità! Un salutone.

Posta un commento